Al Bano a cuore aperto, parla del suo ritorno al Festival di Sanremo

Al Bano, uno dei big in gara in questo Festival di Sanremo, si presenta alla competizione canora con la canzone “Di rose e di spine”, con la quale si esibisce all’Ariston come concorrente dopo sei anni e soprattutto, dopo il grave problema di salute che lo ha colpito di recente.

In questa intervista concessa al Messaggero, Al Bano si carica a pallettoni per questo grande ritorno:Sto da Dio, ho un carico di adrenalina pazzesco.

Dalla mia prima volta al Festival di Sanremo non è cambiato nulla, stessa emozione pazzesca“.

Alla domanda su come pensa che andrà questo Festival risponde:”Non voglio fare pronostici, voglio solo cantare al meglio questo pezzo che non è facile, anche se ha l’Italia dentro. Non vorrei, però, che finisse come l’anno in cui venni con ‘E’ la mia vita’: standing ovation in sala e poi mi piazzai solo al settimo posto. L’Italia oggi è infelice politicamente, economicamente e socialmente. Anche la natura si accanisce con le migliaia di scosse di terremoto”.

La giornalista a questo punto, chiede al cantante pugliese, se c’è il suo pubblico pronto a votarlo da casa, anche dopo la rottura con Romina, e “l’ugola d’acciaio” è traquillo:”La gente mi crede, sa che non ho mai bluffato; Quando è finito il rapporto abbiamo anche smesso di cantare insieme. All’ultimo spettacolo, nel 1994 a San Siro, c’erano 40 mila persone. Ho preso Romina e le ho detto ‘Guarda un pubblico così non lo vedrai mai più'”.

L’intervista la chiude con una confessione:”Sapevo che sarei andato al Festival di Sanremo da settembre. Avevo pronte 4 canzoni. Poi il 9 dicembre sono finito in ospedale e mi hanno subito operato. Mi sono detto: ‘Speriamo di farcela ad andare a Sanremo’. Il Festival per me è importante. Manco dalle classifiche da un po’ di tempo. E non sono come tanta gente che qui ha avuto fortuna e poi ha girato le spalle. Rinnegare le radici è qualcosa che mi dà fastidio“.

 

 

 

Come trasformare un blog in un’azienda, lo spiega Chiara Ferragni ad Harvard

Anche Chiara Ferragni, blogger italiana per eccellenza, può tenere una lezione ad Harvard. Parliamo di una lezione seria.

La Ferragni in soli cinque anni ha fatturato ben otto milioni di dollari ed oggi il suo profilo Instagram possiede oltre 8 milioni di follower. Il suo blog ha costituito una vera e propria azienda ed è di questo che parlerà durante la lezione.

Lei e il suo collega, Riccardo Pozzoli, nonché suo ex compagno, con il quale ora gestisce l’azienda, terranno uno specifico corso su come portare un semplice blog a diventare un’azienda a tutti gli effetti, di come va gestito un progetto simile, toccando sia aspetti finanziari e aspetti del marketing. Si sa che le strategie di comunicazione sono alla base per coinvolgere più gente possibile.

La sua azienda è costituita da 24 dipendenti, divisi tra le varie sezioni.

Forbes ha parlato della 29enne inserendola nella lista annuale dei 300 giovani imprenditori più intelligenti del 2016. La giovane Ferragni ha dimostrato di essersi fatta da sola e di aver lavorato molto negli anni per raggiungere risultati altissimi.