Milly Carlucci: ballerina per una notte!

Per la prima volta in dodici anni di ‘Ballando con le Stelle’ la padrona di casa ha deciso di scendere in pista per provare l’emozione di essere ballerina per una notte. La conduttrice, inoltre, ha voluto fare un omaggio a Lucio Dalla nel giorno del suo compleanno, ballando sulle note di una sua canzone: ‘futura’. Si è cimentata in un tango sensuale con il maestro Pablo Moyano e nonostante si fosse più volte giustificata per aver avuto poco tempo nel preparare la performance, ha ottenuto un punteggio di 48 su 50, conquistando così il tesoretto che è stato poi consegnato alla concorrente Martina Stella.

Terminata la performance, la Carlucci, ha rivolto il suo primo pensiero al marito, chiedendogli “Angelo ti sei vergognato di me?“. Le telecamere lo hanno ripreso per un attimo mentre mostrava un’espressione pienamente soddisfatta e orgogliosa di avere accanto una moglie capace di mettersi in gioco senza perdere la sua immancabile eleganza e il suo disinvolto charme.

Tensioni molto forti tra Raz Degan e i naufraghi

Nonostante Massimo Ceccherini si sia ritirato la tensione tra Raz Degan e il resto dei naufraghi si fa sentire. Il naufrago, sempre sotto l’occhio del ciclone, ha deciso definitivamente di vivere la sua esperienza sull’Isola in completo isolamento. I battibecchi però non possono mancare e il gruppo non lo sopporta per niente, lo insulta pesantemente, definendolo un animale domestico.

Naturalmente arrivati a questo punto, Raz Degan, ha anche deciso di non disputare la prova di ricompensa, dichiarando di dover tenere il fuoco acceso. La prova è stata svolta e i due vincitori Giulio Base e Giulia Calcaterra hanno ricevuto una ricompensa in cibo che però è stata dimezzata per punire il gruppo per la mancanza di Raz. I due si sono veramente adirati e Giulia gli ha detto: “Ci hanno dimezzato il premio. La tua risposta è che hai tenuto il fuoco acceso? Che c’entra il fuoco? Se decidi tu le tue regole e non stai a quelle stabilite dal programma, hai già perso. Per colpa tua, ci abbiamo rimesso io e Giulio“.

Il tatuatore dei rapper

Massimo Gurnari, il tatuatore dei rapper si concede un’intervista dove racconta come si sia avvicinato, con il suo lavoro, ai rapper italiani più famosi. Racconta di aver sempre dipinto, poi, per caso mettendosi in contatto con altri tatuatori è entrato in questo mondo. La scritta “Self made” sulle sue mani sta proprio ad indicare il suo essersi fatto da solo, “Quello che ho fatto, poco o tanto che sia, l’ho raggiunto da solo. Mi sembrava un dettaglio coerente e un messaggio che mi piaceva portare addosso” ha detto.

Tra i suoi clienti, Fedez il noto rapper, con cui si può dire abbia un rapporto di amicizia. “Possiamo parlare di amicizia. L’ho tatuato in casa, quando cantava e si faceva i video da sé. Quando ancora non era nessuno e non aveva un euro. Ricordo di molte discussioni comiche tra me e lui: amava i Blink182 e io mi chiedevo sempre come potesse fare rap senza ascoltare gruppi del calibro dei Public Enemy”. Il tatuaggio sulla pancia di Fedez probabilmente è il più visto e fotografato in Italia, racconta Massimo. Tra i suoi clienti anche: Jake La Furia, Entics, Vacca, Marracash, Jake Jaselli a Andrea Rock per quanto riguarda i tatuaggi e Gue Pequeno ha molti suoi quadri.

Della sua carriera futura racconta di aver “prelevato” la sua fidanzata da Los Angeles, con la quale ha creato un brand Faceless che ha come logo una delle sue opere d’arte, il passamontagna. Con questo brand vorrebbe lanciarsi nella moda, “Ne è nato un brand, registrato ufficialmente, con cui voglio fare questa esperienza nel mondo dell’abbigliamento, accompagnato ovviamente dalla mia fidanzata. Anche perché io di moda non ne so nulla. È un’idea semplice ma credo possa funzionare. Abbiamo creato magliette, bags e cappellini, curando ogni aspetto e già diverse realtà si sono avvicinate a noi.”

Belen e i suoi fantasmi del passato

Di solito siamo abituati a vedere Belen in pose divertenti, mentre si difende da attacchi dei suoi haters, quando è sorridente e spensierata, quando gioca con il suo bambino, ma non siamo abituati ad immaginarla vittima di un episodio traumatizzante.

Ha raccontato di frequentare un psicoanalista proprio per cercare di superare questo terribile evento, per cercare di metabolizzarlo. “Tutto risale a un episodio avvenuto quando era adolescente: “Da un anno vado dalla psicoanalista per dimenticare quella pistola che mi puntarono alla testa. Dovevi prestare attenzione quando uscivi per strada, non potevi tornare a casa da sola. Una volta, erano le nove di sera, stavo rientrando in macchina con una persona, quando ci ha fermato un uomo con un passamontagna e una pistola in mano. Sono stata presa per i capelli, tirata fuori dall’auto e buttata per terra. Poi sono arrivati altri tre uomini armati che ci hanno portato dentro casa e hanno rinchiuso tutta la mia famiglia in bagno. Hanno svaligiato la nostra abitazione senza pietà, si sono portati via la vita di una famiglia, l’hanno distrutta.”

Il drammatico evento non è finito così perché il giorno dopo, dopo aver dato la notizia, suo nonno paterno, a cui era molto legata, è morto d’infarto. Da qui l’inferno di non voler restare a casa da sola e tanto altro che può scaturire un’esperienza simile che ti fa vedere la morte in faccia. Nonostante ancora non abbia superato del tutto la cosa, Belen ha dichiarato che le cose stanno migliorando.

Studentessa 15 enne di Milano aggredita in treno: percossa e violentata mentre era sola

Grave episodio di violenza in treno sulla linea Milano-Mortara quando una ragazza è stata aggredita da due uomini mentre era in una carrozza vuota. Inutili le grida d’aiuto.

In pieno pomeriggio, percossa con calci e pugni per costringerla a farsi palpeggiare nelle parti intime, è ciò che ha subito una giovanissima ragazza di 15 anni che frequenta un liceo a Milano prima di scendere alla fermata di Vigevano dove avrebbe raggiunto la mamma nel suo ufficio, purtroppo delle violenze non ha fatto parola per tutta la sera.

La mattina seguente però, la giovane ragazza ha accusato dei malori in classe e mostrava evidenti segni della violenza del giorno prima (lividi e dolori, nausea, giramenti di testa) e dopo questi malori ha trovato il coraggio di confidarsi con due compagne. Successivamente è stata accompagnata presso la clinica De Marchi per le varie medicazioni e controlli al Servizio Violenze sessuali e domenistiche della Mangigalli.

La ragazza ai poliziotti ha raccontato di essere rimasta da sola sul treno quando una amica è scesa alla fermata di Abbiategrasso, ed è stato in quel momento che ha subito l’aggressione. Descrivendo i due aggressori, sono di accento maghrebino ed erano vestiti con jeans e felpa con cappuccio.

Il proprietario di casa caccia a sprangate gli inquilini abusivi

Ad Avezzano in Abruzzo, scene di ordinaria follia. Un uomo a dicembre aveva dato la sua casa in affitto a due marocchini, dopo aver firmato il contratto, uno dei marocchini pare avesse “dimenticato” di pagare sia l’acconto che i primi due mesi di affitto. Il proprietario di casa, totalmente fuori controllo, in preda all’ira, ha cacciato a sprangate i due stranieri dalla casa. Uno dei due ha ricevuto una spranga in testa ed è dovuto andare in ospedale.

Volevo e dovevo difendere la mia proprietà e me stesso da uno straniero che non avevo mai visto prima”, ha spiegato il proprietario. “Sono venuti sotto casa mia la sera dopo la bagarre e ho dovuto chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Sono rimasto sveglio tutta la notte temendo per la mia incolumità e per quella della mia famiglia“.

Le forze dell’ordine stanno indagando sul caso, inoltre il proprietario qualche giorno prima per evitare che l’inquilino entrasse in casa aveva chiuso il cancello con una catena, ma l’abusivo è riuscito ad entrare scavalcando il cancello.

Al Bano a cuore aperto, parla del suo ritorno al Festival di Sanremo

Al Bano, uno dei big in gara in questo Festival di Sanremo, si presenta alla competizione canora con la canzone “Di rose e di spine”, con la quale si esibisce all’Ariston come concorrente dopo sei anni e soprattutto, dopo il grave problema di salute che lo ha colpito di recente.

In questa intervista concessa al Messaggero, Al Bano si carica a pallettoni per questo grande ritorno:Sto da Dio, ho un carico di adrenalina pazzesco.

Dalla mia prima volta al Festival di Sanremo non è cambiato nulla, stessa emozione pazzesca“.

Alla domanda su come pensa che andrà questo Festival risponde:”Non voglio fare pronostici, voglio solo cantare al meglio questo pezzo che non è facile, anche se ha l’Italia dentro. Non vorrei, però, che finisse come l’anno in cui venni con ‘E’ la mia vita’: standing ovation in sala e poi mi piazzai solo al settimo posto. L’Italia oggi è infelice politicamente, economicamente e socialmente. Anche la natura si accanisce con le migliaia di scosse di terremoto”.

La giornalista a questo punto, chiede al cantante pugliese, se c’è il suo pubblico pronto a votarlo da casa, anche dopo la rottura con Romina, e “l’ugola d’acciaio” è traquillo:”La gente mi crede, sa che non ho mai bluffato; Quando è finito il rapporto abbiamo anche smesso di cantare insieme. All’ultimo spettacolo, nel 1994 a San Siro, c’erano 40 mila persone. Ho preso Romina e le ho detto ‘Guarda un pubblico così non lo vedrai mai più'”.

L’intervista la chiude con una confessione:”Sapevo che sarei andato al Festival di Sanremo da settembre. Avevo pronte 4 canzoni. Poi il 9 dicembre sono finito in ospedale e mi hanno subito operato. Mi sono detto: ‘Speriamo di farcela ad andare a Sanremo’. Il Festival per me è importante. Manco dalle classifiche da un po’ di tempo. E non sono come tanta gente che qui ha avuto fortuna e poi ha girato le spalle. Rinnegare le radici è qualcosa che mi dà fastidio“.

 

 

 

Come trasformare un blog in un’azienda, lo spiega Chiara Ferragni ad Harvard

Anche Chiara Ferragni, blogger italiana per eccellenza, può tenere una lezione ad Harvard. Parliamo di una lezione seria.

La Ferragni in soli cinque anni ha fatturato ben otto milioni di dollari ed oggi il suo profilo Instagram possiede oltre 8 milioni di follower. Il suo blog ha costituito una vera e propria azienda ed è di questo che parlerà durante la lezione.

Lei e il suo collega, Riccardo Pozzoli, nonché suo ex compagno, con il quale ora gestisce l’azienda, terranno uno specifico corso su come portare un semplice blog a diventare un’azienda a tutti gli effetti, di come va gestito un progetto simile, toccando sia aspetti finanziari e aspetti del marketing. Si sa che le strategie di comunicazione sono alla base per coinvolgere più gente possibile.

La sua azienda è costituita da 24 dipendenti, divisi tra le varie sezioni.

Forbes ha parlato della 29enne inserendola nella lista annuale dei 300 giovani imprenditori più intelligenti del 2016. La giovane Ferragni ha dimostrato di essersi fatta da sola e di aver lavorato molto negli anni per raggiungere risultati altissimi.